CLASSIFICARE LO SCARICO

Per qualsiasi tipo di scarico domestico, assimilabile al domestico, industriale e meteorico individuiamo il corretto iter autorizzativo e i relativi adempimenti.

Analisi acqua di scarico

In base alla classificazione dello scarico (domestico, assimilabile al domestico, industriale e meteorico) vengono individuati il corretto iter autorizzativo e i relativi adempimenti.

Quando il mio scarico deve essere autorizzato?

Ai sensi del  Dlgs 152/2006 e s.m.i. Parte III tutti gli scarichi devono essere autorizzati ma non spaventatevi, la normativa regionale e i regolamenti dell’ente che gestisce la fognatura hanno individuato degli iter più o meno semplificati proprio in base alla classificazione dello scarico.

Per esempio gli scarichi domestici se scaricano in fognatura sono accettati per definizione (è sufficiente l’autorizzazione all’allaccio). In zone isolate o non servite da pubblica fognatura necessitano invece di specifica autorizzazione.

I reflui industriali devono essere sempre autorizzati, secondo un iter specifico che cambia in funzione della tipologia dell’azienda e della relativa capacità produttiva.

Le acque meteoriche sono soggette ad autorizzazione solo se l’attività rientra in elenchi specifici, o se l’attività stessa richiede la movimentazione di sostanze pericolose (tab. V allegato V parte III Dlgs 152/2006 e s.m.i).

Dove posso scaricare le acque meteoriche?

Le acque meteoriche richiedono una specifica gestione non solo ai fini autorizzativi come riportato sopra ma anche e soprattutto ai fini della compatibilità idraulica. Infatti le acque meteoriche che non sono soggette all’autorizzazione di cui sopra NON devono essere convogliate in pubblica fognatura. Sono preferibili infatti altri corpi recettori quali il corso d’acqua principale o la dispersione in suolo tramite pozzo perdente o altre strutture.

In tutti i casi la restituzione delle acque meteoriche tramite fognatura (ove previsto) o in acque superficiali deve essere fatta con portata controllata, previa laminazione. Proprio in merito alla compatibilità idraulica si ricorda la necessità del Nulla Osta idraulico per lo scarico in acque superficiali.

Consulenze Ambientali assiste ogni tipo di azienda o altra struttura per la corretta gestione delle acque, qualunque tipologia,  che si origina dal proprio sito. Anche in questo caso il tipo di supporto si sviluppa su diversi livelli: amministrativo, tecnico e gestionale.